Luci e (qualche) ombra de Les Contes d’Hoffmann

Fermata Spettacolo

...l’Olympia esemplare di Maria Grazia Schiavo, sulla cui voce abbiamo già detto tanto in altre occasioni ma che qui, in questa parte così terribilmente impervia, in questa prova dall’iperbolicità ripida e sdrucciolevole e volutamente asperrima della bambola meccanica, riesce a superare se stessa, meritando lunghissimi applausi alla fine della sua performance; d’altra parte, è stato sempre così: La chanson d’Olympia è un banco di prova duro e apparentemente inaccessibile, che si supera solo in due casi, o perché si è un automate o perché si è un grande soprano, Maria Grazia Schiavo non è, in tutta evidenza, un automate.


Grazie #luigiPaolillo #fermataspettacolo

Scarica la Recensione

Luigi Paolillo