Traviata da riflettere

Ape Musicale

"...Nella prima compagnia vocale si impone la splendida Violetta di Maria Grazia Schiavo. Già apprezzata sul palcoscenico sabaudo per le recenti Susanna e Donna Anna, la Schiavo conferma che per cantare La traviata non occorrono tre soprani ma uno che sappia approfondire il testo e scolpire a regola d’arte la parola scenica, fine e non mezzo del canto stesso. Che si tratti della scalpitante coloratura del primo atto o del fraseggio sofferente e allucinato dell’ultimo, il raffinato senso della misura, la linea vocale cristallina e l’emissione morbida e controllata – impreziosita da bellissime filature e messe di voce – sostengono il soprano partenopeo nella costruzione di un personaggio che rinvigorisce di battuta in battuta a mezzo di un’accentazione sempre magnetica, sublimata nel commovente «Addio del passato», capolavoro di carisma interpretativo ed eleganza belcantista...”

Scarica la Recensione

Antonino Trotta