• Maria Grazia Schiavo
  • 25.10.2020

La Traviata

maria Grazia Schiavo News

Dal 25 al 31 ottobre 2020

 

Giuseppe Verdi

LA TRAVIATA

opera in tre atti su libretto di Francesco Maria Piave dal dramma La dame aux camélias di Alexandre Dumas

 

Prima Rappresentazione: Venezia, Teatro La Fenice, 6 marzo 1853

 

 

Direttore | Stefano Ranzani

Regia | Lorenzo Amato

Scene | Ezio Frigerio

Costumi | Franca Squarciapino

 

Interpreti

Violetta Valéry Albina Shagimuratova / Nino Machaidze / Maria Grazia Schiavo

Flora Bervoix | Mariangela Marini / Cinzia Chiarini

Annina Michela Antenucci

Alfredo Germont | Francesco Demuro / Ivan Magrì

Giorgio Germont Amartuvshin Enkhbat / Giovanni Meoni

Gastone Lorenzo Izzo / Enrico Zara

Il barone Douphol Nicola Ebau

Il marchese d'Obigny | Nicolò Ceriani

Il dottor Grenvil  | Francesco Musinu

 


Orchestra e Coro e Balletto del Teatro di San Carlo

 


Produzione del Teatro di San Carlo

 

 

SERIE CREMISI

domenica 25 ottobre 2020, ore 19.00

martedì 27 ottobre 2020, ore 20.00

mercoledì 28 ottobre 2020, ore 18.00

giovedì 29 ottobre 2020, ore 18.00

venerdì 30 ottobre 2020, ore 20.00

sabato 31 ottobre 2020, ore 19.00

 

Spettacolo fuori abbonamento

 

Spettacolo in Italiano con sovratitoli in Italiano e in Inglese


Durata: 2 ore e 50 minuti circa con intervallo

 


Ancora oggi a Parigi si depongono fiori sulla tomba di Marguerite Gautier, protagonista realmente esistita del dramma di Alexandre Dumas figlio La dame aux camélias dal quale Verdi, insieme al suo librettista F. M. Piave, trasse il libretto della Traviata. Non a caso l'opera, basata su un soggetto piuttosto scabroso per l'epoca, vide la luce a Venezia dove la censura era già stata tollerante con Verdi accettando le arditezze di Ernani e Rigoletto. Per diverse ragioni (tra le quali l'inadeguatezza dei cantanti) l'opera subì un clamoroso insuccesso alla prima ma divenne poi una delle opere italiane più rappresentate di tutti i tempi.  Sul piano musicale, La traviata è per molti aspetti l'ultima opera belcantistica di Verdi e segna il passaggio dal modello del primo Ottocento, legato ad una dimensione vocale idealizzata, alla nuova via più “realistica” che lo stesso Verdi percorrerà nella seconda metà del secolo. Terza opera della cosiddetta “trilogia popolare” (insieme a Trovatore e Rigoletto), Traviata è forse la partitura più densa di interiorità psicologica di tutto il teatro d'opera romantico. Le violente passioni delle opere precedenti si trasformano in sottili e spesso raffinate notazioni dei sentimenti, del dolore, della tenerezza, dell'amore, della rassegnazione.


https://www.teatrosancarlo.it/it/spettacoli/la-traviata-2020.html





Altre News